Select Page

Non è un ristorante di cucina veneziana, ma vi assicuro che ne vale la pena. Già la location è centrale e tranquilla, potrete permettervi di stare fuori a godervi piazza Santo Stefano. Cortesissimi i camerieri, amano il loro lavoro e lo danno a vedere (fortunato, e non solo, il proprietario che ha saputo scegliere). Bravissimo il cuoco che ci ha deliziato con dei primi raffinati e sapientemente cucinati, consiglio vivamente la parmigiana, gli spaghetti alle Lipari e la cassatina. Uno show di liquori alla fine. Bravi, cortesi e ottima cucina. Non è poco quando si viaggia in queste zone molto turistiche dove si è trattati male e con prezzi esosi. Un grazie al maitre che ci ha conquistati con la sua gentilezza e stregati con i suoi racconti pieni di storia e magia (abbiamo acquistato il giorno dopo, anche il libro che ci ha consigliato di Alberto Toso Fei: Misteri della laguna e racconti di streghe.) Serata all’insegna del gusto e dell’esoterismo. Grazie mille e complimenti

 

mi sono ritrovato in questa piazza immensa, piazza santo stefano e guardando su trip mi dava questo ristorante come il migliore in zona. provandolo confermo assolutamente le recensioni positive. maitre molto preparato e cortese, io personalmente non ho nemmeno guardato il menù ho seguito i suoi consigli. tutto buono, infine ci ha suggerito un tiramisù che era in effetti squisito.

 

 

E’ consigliabile prenotare per poter mangiare in questo raffinato ristorante. Il servizio è eccellente quanto i piatti proposti.
Io e mia mamma avevamo proprio voglia di un bel piatto di spaghetti alle vongole, e così siamo state accontentate. Spaghetti eccellenti (forse un po’ troppo salatini), vongole saporitissime. In più, come antipasto ci hanno offerto due eccezionali bruschettine al pomodoro, e a fine pasto dell’ottimo limoncello. In più, per scusarsi per averci fatto cambiare tavolo una volta accomodate, ci hanno offerto dei cannoli siciliani per dolce. Non è economico, ma si spende il giusto.

 

 

Se per entrare, accomodarti e gustare un locale il naso dev’essere conquistato, questo è il ristorantino adatto. Di classe, anticonvenzionale, con personale attento e cortese, con prezzi corretti per l’alta qualità. Mi sono lasciato attrarre dallo spaghettino al nero di seppia.. stupito della grattata di ricotta salata, ho rivalutato al palato l’abbinamento leccandomi letteralmente i baffi. Gentilissimi davvero, mi hanno offerto antipastini, focacce, pagnotte e alla fine anche il limoncello. Sorbetto al limone graziosissimo servito all’interno del suo frutto. Coreografia approvata e sicurezza, se tornerò a Venezia, di cenare romanticamente con mia moglie in una prossima occasione… tappa d’obbligo davvero!